GrahamFE | centro di educazione
17878
page-template-default,page,page-id-17878,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
 

centro di educazione

FONDAMENTI DEL FOREX


CHE COS’È IL TRADING FOREX?

Conosciuto anche come cambio di valuta estera o trading di valuta, il forex è uno dei mercati più negoziati al mondo. Nel trading forex, i trader sperano di generare un profitto speculando sul valore di una valuta rispetto ad un’altra. Questo è il motivo per cui le valute vengono sempre scambiate in coppia: il valore di un’unità di valuta non cambia a meno che non sia confrontato con un’altra valuta

 

Due opportunità commerciali

SCENARIO 1: OPERAZIONE IN ACQUISTO Se ritieni che il valore attuale dell’euro si stia rafforzando nei confronti del dollaro USA, potresti entrare in uno scambio per acquistare euro nella speranza che il valore della valuta diventi più forte rispetto al dollaro USA. In questo scenario, pensi che l’euro sia rialzista (e il dollaro USA sia ribassista).

 

SCENARIO 2: OPERAZIONE IN VENDI Al contrario, se pensi che il valore attuale dell’euro si indebolirà nei confronti del dollaro USA, potresti entrare in uno scambio per vendere euro nella speranza che il valore della valuta diventi più debole rispetto al dollaro USA. In questo scenario, pensi che l’euro sia ribassista (e il dollaro USA sia rialzista).

 

CHE COSA DOVRESTI SAPERE L’azione di acquisto o di vendita intrapresa per entrare in uno scambio si applica sempre alla valuta principale. L’azione opposta si applica automaticamente alla valuta del preventivo. Quindi, se acquisti EUR / USD, significa che stai acquistando euro e vendendo dollari USA. Se vendi l’EUR / USD, stai vendendo euro e comprando dollari USA.

 

CHE COS’È UN PIP?

In genere nel forex, le coppie di valute mostrano i loro prezzi con quattro punti decimali. Alcuni, come quelli che coinvolgono lo yen giapponese, mostrano due cifre decimali. Indipendentemente dalla coppia di valute che stai negoziando, l’ultimo grande numero dietro il decimale rappresenta sempre un pip, il prezzo unitario principale che può cambiare per la coppia di valute. Mentre fai trading, monitorerai i tuoi profitti (o perdite) in pips.

 

CHE COSA È UN LOT?

Nel forex, il lot è un’unità di misura standard. Nella maggior parte dei rivenditori forex, un lotto standard equivale generalmente a 100.000 unità di valuta.

 

CHE COS’È LA LEVA?

Uno dei vantaggi di questo mercato è la capacità di fare trading sulla leva finanziaria. Non hai bisogno di $ 10.000 nel tuo account per scambiare EUR / USD. Le coppie di valute possono avere un coefficiente di leva finanziaria fino a 50: 1. Ciò significa che puoi controllare una posizione elevata ($ 10.000) con una piccola quantità di denaro ($ 250). Molti trader trovano molto interessante la leva che la maggior parte dei rivenditori forex offre. Tuttavia, dovresti sapere che fare trading in questo modo può anche essere rischioso. Può produrre profitti sostanziali con la stessa facilità con cui può causare perdite sostanziali.

ANALISI FONDAMENTALE


CHE COS’È L’ANALISI FONDAMENTALE

Analisi fondamentale è un termine ampio che descrive l’atto di negoziazione basato esclusivamente su aspetti globali che influenzano l’offerta e la domanda di valute, materie prime e azioni. Molti trader useranno metodi sia fondamentali che tecnici per determinare quando e dove effettuare gli scambi, ma tendono anche a favorire l’uno rispetto all’altro. Tuttavia, se desideri utilizzare solo analisi fondamentali, esistono varie fonti su cui basare la tua opinione.

 

BANCHE CENTRALI

Le banche centrali sono probabilmente una delle fonti più volatili per le negoziazioni fondamentali. L’elenco delle azioni che possono intraprendere è vasto; possono alzare i tassi di interesse, abbassarli (anche in territorio negativo), mantenerli uguali, suggerire che la loro posizione cambierà presto, introdurre politiche non tradizionali, intervenire per se stessi o per gli altri o persino rivalutare la loro valuta. L’analisi fondamentale delle banche centrali è spesso un processo di analisi delle dichiarazioni e dei discorsi dei banchieri centrali e del tentativo di pensare come loro per prevedere la loro prossima mossa.

 

COMUNICATI ECONOMICI

Il trading di pubblicazioni economiche può essere una sfida molto labile e imprevedibile. Molte delle più grandi menti delle principali banche di investimento di tutto il mondo hanno difficoltà a prevedere esattamente quale sarà la fine di un comunicato economico. Hanno modelli che tengono conto di molti aspetti diversi, ma possono ancora sbagliare imbarazzantemente nelle loro previsioni; da qui la ragione per cui i mercati si muovono così violentemente dopo importanti rilasci economici. Molti investitori tendono ad andare con il “consenso” di quegli esperti, e in genere i mercati si sposteranno nella direzione della previsione del consenso prima del rilascio. Se il consenso non riesce a prevedere il risultato finale, di solito il mercato si sposta nella direzione del risultato effettivo, il che significa che se fosse meglio del consenso, si svilupperebbe una reazione positiva e viceversa per un risultato inferiore al consenso. Il trucco per negoziare l’aspetto fondamentale delle pubblicazioni economiche è determinare quando vuoi impegnarti. Fai trading prima o dopo il rilascio della cifra? Entrambi hanno i loro meriti e le loro detrazioni. Se fai trading molto prima del rilascio, puoi provare a sfruttare il flusso verso l’aspettativa di consenso, ma altri eventi fondamentali in tutto il mondo possono avere un impatto sul mercato più che sulla lettura del consenso. I momenti di trading prima del rilascio economico significano che hai un’opinione se il rilascio effettivo sarà migliore o peggiore del consenso, ma potresti essere terribilmente sbagliato e rischiare grandi perdite essenzialmente su un lancio di moneta. Negoziare momenti dopo il rilascio economico significa che proverai a stabilire una posizione in un mercato a basso volume che presenta la sfida di ottenere il prezzo desiderato.

 

TENSIONI GEOPOLITICHE

Piaccia o no, alcuni paesi in tutto il mondo non vanno molto d’accordo tra loro o con la comunità globale e talvolta conflitti o guerre sono imminenti. Queste tensioni o conflitti possono avere un impatto negativo sui beni scambiabili modificando l’offerta o persino la domanda di determinati prodotti. Ad esempio, un aumento dei conflitti in Medio Oriente può mettere a dura prova l’offerta di petrolio, il che aumenta il prezzo. Al contrario, una relativa calma in quella parte del mondo può ridurre il prezzo del petrolio poiché l’offerta non è minacciata. Essere in grado di prevedere correttamente come si concluderanno questi eventi può essere un modo per anticipare il mercato con la tua prospettiva fondamentale.

 

METEO

Esistono numerosi eventi meteorologici che possono causare fluttuazioni dei prezzi. L’esempio più semplice è la propensione all’inverno a creare enormi tempeste di neve che possono far aumentare il costo del gas naturale, che viene utilizzato per riscaldare le case. Tuttavia, ci sono una varietà di altre situazioni meteorologiche che possono cambiare il valore di beni scambiabili come uragani, siccità, inondazioni e persino tornado. Mentre alcuni di questi eventi sono molto imprevedibili, a volte può aiutare a far scoppiare l’Almanacco del vecchio agricoltore o prestare molta attenzione al Canale meteorologico per vedere come potrebbero svolgersi i modelli meteorologici.

 

STAGIONALITÀ

La stagionalità legata al clima è qualcosa che ha senso come ha sottolineato l’esempio del gas naturale, ma ci sono anche altri fattori stagionali che non sono legati al tempo. Ad esempio, alla fine dell’anno solare molti investitori venderanno azioni che sono diminuite nel corso dell’anno alla fine di rivendicare le perdite in conto capitale sulle loro imposte A volte può essere utile uscire dalle posizioni prima dell’inizio del selloff di fine anno. Dall’altro lato di tale equazione, gli investitori in genere tornano alle azioni in massa a gennaio, un fenomeno chiamato “L’effetto di gennaio”. La fine di un mese può essere piuttosto attivo e le aziende che vendono prodotti in più nazioni sembrano compensare le loro coperture valutarie, una pratica chiamata “Riequilibrio di fine mese”.

Alcuni fattori fondamentali sono più duraturi mentre altri sono più immediati, ma scambiarli può essere sia difficile che gratificante per coloro che hanno la forza intestinale per scambiarli. Inoltre, i fattori fondamentali sopra elencati sono solo l’inizio di un elenco che è molto più lungo in quanto nuovi metodi fondamentali di trading vengono creati ogni giorno. Quindi tieni gli occhi aperti per le nuove situazioni che si presentano e forse potresti essere sostanzialmente all’avanguardia!

ANALISI TECNICA


COMPRENDERE L’ANALISI TECNICA

L’analisi tecnica è lo studio dell’azione storica dei prezzi al fine di identificare modelli e determinare le probabilità di futuri movimenti nel mercato attraverso l’uso di studi tecnici, indicatori e altri strumenti di analisi.

L’analisi tecnica si riduce a due cose:

  1. identificazione della tendenza
  2. identificare il supporto / resistenza attraverso l’uso di grafici dei prezzi e / o tempistiche

I mercati possono fare solo tre cose: spostarsi verso l’alto, il basso o lateralmente.

I prezzi in genere si muovono a zigzag e, di conseguenza, l’azione dei prezzi ha solo due stati:

  • Gamma – quando i prezzi a zigzag lateralmente
  • Trend: prezzi vanno a zig-zag verso l’alto (trend rialzista o rialzista) o prezzi vanno a zig-zag verso il basso (ribassisti o ribassisti

PERCHÉ È IMPORTANTE L’ANALISI TECNICA?

L’analisi tecnica di un mercato può aiutarti a determinare non solo quando e dove entrare in un mercato, ma soprattutto, quando e dove uscire.

 

COME PUOI USARE L’ANALISI TECNICA?

L’analisi tecnica si basa sulla teoria secondo cui i mercati sono caotici (nessuno sa con certezza cosa accadrà dopo), ma allo stesso tempo l’azione sui prezzi non è completamente casuale. In altre parole, la teoria matematica del caos dimostra che all’interno di uno stato di caos ci sono schemi identificabili che tendono a ripetersi.

Questo tipo di comportamento caotico è osservato in natura sotto forma di previsioni meteorologiche. Ad esempio, la maggior parte dei trader ammetterà che non ci sono certezze quando si tratta di prevedere movimenti di prezzo esatti. Di conseguenza, un trading di successo non si tratta di avere ragione o torto: si tratta solo di determinare le probabilità e fare scambi quando le probabilità sono a tuo favore. Parte della determinazione delle probabilità comprende la previsione della direzione del mercato e quando / dove entrare in una posizione, ma altrettanto importante è determinare il rapporto rischio / rendimento.

Ricorda, non esiste una combinazione magica di indicatori tecnici che sbloccheranno una sorta di strategia di trading segreta. Il segreto del trading di successo è la buona gestione del rischio, la disciplina e la capacità di controllare le tue emozioni. Chiunque può indovinare bene e vincere di tanto in tanto, ma senza la gestione del rischio è praticamente impossibile rimanere redditizi nel tempo.

GESTIONE DEL RISCHIO


Qualsiasi analista o guida di trading ti dirà quanto è importante gestire il tuo rischio. Tuttavia, come si fa a gestire questo rischio? E cosa significa esattamente gestire il rischio?

Ecco una guida passo passo a uno dei concetti più importanti nel trading finanziario.

 

1. DETERMINA LA TOLLERANZA SUL RISCHIO

Questa è una scelta personale per chiunque abbia intenzione di negoziare qualsiasi mercato. La maggior parte degli istruttori di trading emetterà numeri come 1%, 2% o fino al 5% del valore totale del tuo account rischiato su ogni operazione effettuata, ma gran parte del tuo conforto con questi numeri si basa in gran parte sul tuo livello di esperienza. Gli operatori più recenti sono intrinsecamente meno sicuri di se stessi a causa della loro mancanza di conoscenza e familiarità con il trading complessivo o con un nuovo sistema, quindi ha senso utilizzare percentuale inferiori per i livelli di rischio .

Una volta che ti senti più a tuo agio con il sistema che stai utilizzando, potresti sentire l’impulso di aumentare la tua percentuale, ma fai attenzione a non aumentare troppo. A volte le metodologie di trading possono produrre una serie di perdite, ma l’obiettivo del trading è quello di realizzare un rendimento o mantenere abbastanza per fare il prossimo trade.

Ad esempio, se disponi di un metodo di trading che posiziona in media un trade al giorno e stai rischiando il 10% del saldo mensile iniziale su ogni trade, teoricamente occorrerebbero solo 10 trade in perdita per svuotare completamente il tuo account. Quindi, anche se sei un trader esperto, non ha molto senso rischiare così tanto su un singolo trade.

D’altra parte, se dovessi rischiare il 2% su ogni operazione effettuata, in teoria dovresti perdere 50 operazioni consecutive per svuotare il tuo conto. Quale pensi sia più probabile: perdere 10 operazioni consecutive o perdere 50?

 

SALDO DI INIZIO % RISCHIO SU OGNI COMMERCIO $ RISCHIO SU OGNI COMMERCIO # DI PERDITE CONSECUTIVE PRIMA $0
$10,000 10% $1000 10
$10,000 5% $500 20
$10,000 3% $300 33
$10,000 2% $200 50
$10,000 1% $100 100

2. PERSONALIZZA I TUOI CONTRATTI

Le quantità di metodologie da utilizzare nel trading sono praticamente infinite. Alcuni metodi prevedono l’utilizzo di un obiettivo di stop loss e di profitto molto specifico per ciascuna operazione effettuata, mentre altri variano notevolmente in materia. Ad esempio, se usi una strategia che richiede uno stop loss di 20 pip su ogni trade e fai trading solo sull’EUR / USD, sarebbe facile capire quanti contratti potresti voler tradare per ottenere il risultato desiderato. Tuttavia, per quelle strategie che variano in base alla dimensione degli arresti o persino allo strumento scambiato, capire la quantità di contratti da tradare può diventare un po ‘complicato.

Uno dei modi più semplici per assicurarti di avvicinarti alla quantità di denaro che vuoi rischiare su ogni operazione è quello di personalizzare le dimensioni della tua posizione. Un lotto standard in uno scambio di valute è di 100.000 unità di valuta, che rappresenta $ 10 / pip sull’EUR / USD se hai il dollaro USA (USD) come valuta di base; un mini lotto è di 10.000.

Se volessi rischiare $ 15 per pip su un trade EUR / USD, sarebbe impossibile farlo con lotti standard e potresti costringerti a rischiare troppo o troppo poco sul trade che fai, mentre sia mini che micro lotti potrebbe portarti alla quantità desiderata. Lo stesso si può dire del voler rischiare $ 12,50 per pip su un trade; sia i lotti standard che i mini lotti non riescono a raggiungere il risultato desiderato, mentre i lotti micro potrebbero aiutarvi a raggiungerlo.

Nel regno del trading, avere la flessibilità di rischiare ciò che vuoi, quando vuoi, potrebbe essere un fattore determinante per il tuo successo.

 

3. DETERMINA I TUOI TEMPI

Potrebbe non esserci nulla di più frustrante nel trading che perdere un trade potenzialmente di successo semplicemente perché non eri disponibile quando si presentava l’opportunità. Con il forex che è un mercato di 24 ore al giorno, quel problema si presenta abbastanza spesso, in particolare se si scambiano grafici di tempi più piccoli. La soluzione più logica a quel problema sarebbe quella di creare o acquistare un robot di trading automatizzato, ma tale opzione non è praticabile per un ampio segmento di trader che sono scettici sulla tecnologia / fonte o non vogliono rinunciare ai controlli.

Ciò significa che devi essere disponibile per effettuare operazioni quando si presentano opportunità, di persona e di piena mente e corpo. Svegliarsi alle 3 del mattino per effettuare uno scambio di solito non si qualifica a meno che non si sia abituati a dormire solo 2-3 ore. Pertanto, la persona media che ha un lavoro, i bambini, la pratica del calcio, una vita sociale e un prato che deve essere falciato deve essere un po ‘più premurosa sul tempo che vogliono impegnare. Forse i grafici a 4 ore, 8 ore o giornalieri sono più adatti a quello stile di vita in cui il tempo può essere la componente più preziosa per scambiare la felicità.

Un altro modo per gestire il rischio quando non ci si trova davanti al computer è impostare ordini di stop. I trailing stop possono essere una parte vitale di qualsiasi strategia di trading. Consentono a un trade di continuare a guadagnare valore mentre il prezzo di mercato si muove in una direzione favorevole, ma chiude automaticamente il trade se il prezzo di mercato si sposta improvvisamente in una direzione sfavorevole di una distanza specifica.

Quando il prezzo di mercato si muove in una direzione favorevole, il prezzo di attivazione segue il prezzo di mercato per la distanza di arresto specificata. Se il prezzo di mercato si muove in una direzione sfavorevole, il prezzo di trigger rimane stazionario e la distanza tra questo prezzo e il prezzo di mercato diventa più piccola. Se il prezzo di mercato continua a muoversi in una direzione sfavorevole fino a raggiungere il prezzo di attivazione, viene attivato un ordine per chiudere il commercio.

 

4. EVITARE GAP WEEKEND

Molti partecipanti al mercato sono consapevoli del fatto che i mercati più popolari chiudono i battenti venerdì pomeriggio nell’ora orientale degli Stati Uniti. Gli investitori confezionano le loro cose per il fine settimana e i grafici di tutto il mondo si congelano come se i prezzi restassero a quel livello fino alla prossima volta che potranno essere negoziati. Tuttavia, quella posizione congelata è un errore; non è reale. I prezzi si stanno ancora muovendo avanti e indietro in base agli eventi di quel particolare fine settimana e possono spostarsi drasticamente da dove erano venerdì fino a quando non saranno nuovamente visibili dopo il fine settimana.

Ciò può creare “lacune” sul mercato che possono effettivamente andare oltre l’obiettivo di stop loss o di profitto previsto. Per quest’ultimo, sarebbe una buona cosa, per il primo – non così tanto. Esiste la possibilità che si possa subire una perdita maggiore di quanto previsto perché uno stop loss viene eseguito al miglior prezzo disponibile dopo l’attivazione dello stop; che potrebbe essere molto peggio del previsto.

Sebbene le lacune non siano necessariamente comuni, si verificano e possono prenderti alla sprovvista. Come nell’illustrazione seguente, gli spazi vuoti possono essere estremamente grandi e potrebbero saltare oltre uno stop se fosse posizionato da qualche parte all’interno di tale spazio. Per evitarli, è sufficiente chiudere la propria operazione prima che arrivi il fine settimana e forse anche cercare di sfruttarli utilizzando una tecnica di gap trading.

 

5. GUARDA LE NOVITÀ

Gli eventi di notizie possono essere particolarmente pericolosi per i trader che stanno cercando di gestire anche il proprio rischio. Alcuni eventi di cronaca come l’occupazione, le decisioni della banca centrale o i rapporti sull’inflazione possono creare mosse anomale sul mercato che possono creare lacune come un gap del fine settimana, ma molto più improvviso. Proprio come le lacune durante il fine settimana possono saltare su fermate o obiettivi, lo stesso potrebbe accadere in pochi secondi dopo un grande evento di notizie. Quindi, a meno che tu non stia specificamente cercando di correre quel rischio strategico piazzando uno scambio prima dell’evento di notizie, fare trading dopo quegli eventi volatili è spesso una decisione più consapevole del rischio.

 

6. RENDILO PREZIOSO

Esiste una dottrina specifica nel trading che viene esaltata da entità commerciali responsabili, e cioè che non si dovrebbe mai investire più di quanto si possa permettere di perdere. La ragione per cui è un manifesto così diffuso è che ha senso. Il trading è rischioso e difficile e mettere a rischio il proprio sostentamento per le macchinazioni delle dinamiche di mercato che sono varie e difficili da prevedere equivale a mettere tutti i tuoi risparmi sul rosso o sul nero al tavolo della roulette del tuo casinò Vegas preferito. Quindi non giocare d’azzardo al tuo conto di trading duramente guadagnato: investilo in un modo intelligente e coerente.

Quindi sarai un trader di successo se segui tutti e sei questi suggerimenti per la gestione del rischio? Certo che no, altri fattori devono essere considerati per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi. Tuttavia, assumere un ruolo proattivo nella gestione del rischio può aumentare le probabilità di successo a lungo termine.

PIANO DI TRADING


A volte c’è un malinteso sul fatto che per avere successo siano necessarie conoscenze di mercato altamente evolute e anni di esperienza di trading. Tuttavia, spesso vediamo che più informazioni abbiamo, più è difficile creare un piano chiaro. Maggiori informazioni tendono a creare esitazione e dubbio, il che a sua volta consente alle emozioni di insinuarsi. Questo può impedirti di fare un passo indietro e guardare soggettivamente una situazione.

Se non sai dove stai andando, qualsiasi strada ti porterà lì. Nel trading, se non definisci un piano per le tue operazioni e sviluppi strategie da seguire non hai modo di misurare il tuo successo. La stragrande maggioranza delle persone non commercia con un piano, quindi non è un mistero il motivo per cui perdono denaro. Il trading con un piano è paragonabile alla costruzione di un business. Non saremo mai in grado di battere il mercato. In generale non si tratta di vincere o perdere, si tratta di essere complessivamente redditizi.

 

PERCHÉ È IMPORTANTE UN PIANO DI TRADING

Quando fai trading, come nella maggior parte degli sforzi, è importante iniziare alla fine e lavorare all’indietro per creare il tuo piano e capire che tipo di operatore dovresti essere. I trader di maggior successo fanno trading con un piano e possono anche avere diversi piani che lavorano insieme. Scrivi sempre le cose. Perché? Perché ti aiuterà a rimanere concentrato sui tuoi obiettivi di trading e meno giudizio dovremo usare meglio. Un piano ti aiuta a mantenere la disciplina come trader. Dovrebbe aiutarti a fare trading in modo coerente, gestire le tue emozioni e persino aiutare a migliorare la tua strategia di trading. È anche importante utilizzare il tuo piano. Molte persone commettono l’errore di passare tutto il loro tempo a creare un piano, senza mai attuarlo.

 

COMPONENTI CHIAVE PER SVILUPPARE UN PIANO COMMERCIALE

  1. Struttura del piano di negoziazione e obiettivi monetari
  2. Ricerca e istruzione
  3. Strategia utilizzando strumenti fondamentali e tecnici
  4. Gestione del denaro e dei rischi
  5. Tempistica
  6. Meccanica commerciale, documentazione e prove

COME COSTRUIRE UN PIANO COMMERCIALE

Assicurati di fare le tue ricerche e di costruire un piano in base alle tue esigenze. Trova fiducia in ciò che sai. Gli strumenti che hai selezionato per la tua strategia sono fondamentali, dal tipo di grafico agli strumenti di disegno specifici fino alle strategie più elaborate. Metti alla prova il tuo piano all’inizio per assicurarti di essere sulla strada giusta. Dopo aver iniziato a fare trading, continua a testarlo regolarmente. Ciò ti consente di misurare il tuo successo vedendo chiaramente cosa funziona e cosa non funziona. Da lì puoi modificare elementi che potrebbero essere più deboli e non contribuire al tuo obiettivo generale. Ponetevi le seguenti domande (Le risposte a queste vi aiuteranno nella fondazione del vostro piano di trading e dovrebbero essere rinviate regolarmente per assicurare che siete sulla buona strada con il vostro piano.)

 

Perché sto tradando ?

Se la tua risposta immediata è “fare soldi”, dovresti fermarti lì. Se l’unico obiettivo è guadagnare quanti più soldi possibile, alla fine siamo condannati, perché non sarà mai abbastanza. Gestire le perdite dovrebbe essere il tuo obiettivo principale. Ciò creerà un ambiente in cui è possibile generare profitti.

 

QUAL È LA TUA MOTIVAZIONE ?

Pensione solida? Nuova carriera? Trascorrere più tempo con la famiglia e gli amici?

 

CHIEDITI “QUALI SONO I MIEI PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA?”

  • Come posso massimizzare i miei punti di forza per minimizzare i miei punti deboli?
  • Un esempio di debolezza è la necessità di seguire costantemente le proprie negoziazioni. Il tuo laptop è sul cuscino e ti sta svegliando nel cuore della notte per monitorare i trade? È davvero difficile prendere decisioni intelligenti quando sei mezzo sveglio.

 

L’IMPORTO DEI SOLDI CHE DEVO TRADARE È ABBASTANZA SENSIBILE PER REALIZZARE I MIEI OBIETTIVI?

Guarda le cose in percentuale; ricorda che la leva è un’arma a doppio taglio. Ecco perché la gestione del rischio e del denaro è fondamentale.

Decidere che tipo di operatore sei può essere difficile; soprattutto perché il trader che vuoi essere può essere molto diverso dal tipo di trader che dovresti basare sui tuoi comportamenti e caratteristiche. Dopo aver definito i tuoi obiettivi, la tua propensione al rischio, i tuoi punti di forza e di debolezza, dovrebbe essere chiaro quale tipo di negoziazione si adatta meglio a te. Noterai tre colonne nel grafico; sono etichettati corti, base e lunghi. Base è uguale ai grafici dei tempi che trascorri la maggior parte del tuo tempo, se non sei sicuro, questo è il grafico dei tempi a cui continui a tornare. Breve e lungo sono i grafici delle tempistiche a cui fai riferimento per confermare o negare ciò che sta accadendo nella tabella dei tempi di base. Un errore comune che i trader commettono è saltare casualmente tra i tempi del grafico.

 

COME COMBINARE I TUOI OBIETTIVI AD UNO STILE DI TRADING

Una volta deciso che tipo di trader sei, dovresti iniziare a investire te stesso nell’istruzione e nella ricerca. Rendi l’apprendimento continuo una priorità, la strategia o la metodologia di ogni persona sono uniche e non possono essere duplicate. Pertanto, il tuo piano ha maggior successo quando si basa sulle tue esigenze individuali. Valuta le tue esigenze e lo sforzo richiesto. Assicurati di capire perché stai effettuando operazioni. Un investimento iniziale potrebbe essere monetario, ma ti gioverà a lungo termine. Tempo e ricerca dovrebbero essere investimenti continui. Fai ricerche seguendo gli eventi globali attuali e aggiornandoti sugli attuali strumenti di analisi ti aiuterà a educare ulteriormente su tutti gli aspetti del trading. Chiediti: “Sono un trader fondamentale o tecnico?”

La creazione di una strategia utilizzando strumenti fondamentali e tecnici è la chiave, ma prima dobbiamo imparare un po ‘su ciascuno di questi tipi. Alcuni trader scelgono di utilizzare l’analisi fondamentale per decidere sulle loro decisioni di trading. Questo tipo di analisi si basa sulle notizie. Le notizie possono essere considerate qualsiasi cosa che vada da eventi economici, politici o persino ambientali. Di conseguenza, l’analisi fondamentale è molto più soggettiva.

Altri operatori possono scegliere di utilizzare l’analisi tecnica per guidare le loro decisioni di trading. Questo tipo di analisi è più definitiva e più relazionale sulla matematica e sulle probabilità alla base del trading. Il tipo specifico di analisi utilizzato può essere un indicatore. Potrebbero essere in testa o in ritardo. Sono disponibili pochissimi indicatori anticipatori che potrebbero dare un’idea di dove andrà il mercato. Fibonacci è il più popolare, ma il più abusato e frainteso.

Dopo aver determinato alcuni dei tipi di analisi che utilizzerai, è tempo di sviluppare una strategia di trading. Ciò può avvenire attraverso analisi fondamentali, analisi tecniche o una combinazione di entrambi. È fondamentale sviluppare una strategia e includerla come parte del piano di trading.

Una strategia è un approccio sistematico passo-passo su come e quando useremo gli strumenti per sviluppare una sequenza di analisi. Ecco cosa possiamo aspettarci di vedere in una strategia di trading:

  • I tipi di strumenti di analisi (fondamentali, tecnici od entrambi)
  • Quando e come verranno utilizzati gli strumenti di analisi
  • I tempi di utilizzo degli strumenti
  • La sequenza di analisi
  • Commercio ad alta probabilità, descrizione di cosa cercare
  • Tipi di ordini da utilizzare

Questa sequenza ci condurrà a come appare un commercio ad alta probabilità basato visivamente sugli indicatori e sull’analisi che stiamo utilizzando. Dal momento che abbiamo ciò di cui abbiamo bisogno per la nostra strategia, diamo un’occhiata al lato della gestione del denaro e del rischio nel trading.

Parlare di denaro e gestione del rischio può essere un passo difficile per molte persone. Cercare di determinare quale sia la tua tolleranza al rischio può essere ancora più difficile. Chiediti: “Con quanti soldi devo davvero fare trading?” Siate onesti con ciò che è veramente disponibile per voi. Un errore che le persone fanno è pensare che il trading sia un’attività di investimento o detenzione e continui a depositare denaro. Il trading non è un’attività di deposito e sospensione. La liquidazione può e avviene quando il 100% del requisito di margine totale di tutte le posizioni aperte non è più soddisfatto. Coloro che fanno soldi potrebbero non avere più operazioni vincenti che perdenti; possono semplicemente gestire le loro operazioni in perdita in modo che quelle vincenti le rendano complessivamente redditizie. Può essere più facile vincere i tempi ed essere comunque redditizio. Una caratteristica comune dei nuovi trader è quella di ottenere rapidamente profitti, ma lasciare correre i trade in perdita, di conseguenza devono mantenere un rapporto rischio / rendimento più elevato.

Pensiamo in termini di probabilità. È utile utilizzare la regola del 3% e avere sempre un cuscino. Questo è un esempio della regola del 3% in azione: il 3% su un conto da $ 10.000 equivale a un rischio di $ 300 per operazione. Quindi dividi il costo del rischio per l’equità del conto, per ottenere il numero di operazioni perdenti o $ 10.000 / $ 300 o 33,3 operazioni. Queste risposte ti aiuteranno a determinare se puoi raggiungere i tuoi obiettivi. Ti consente di darti spazio per la flessibilità. I trader limitano le loro negoziazioni e il piano se non c’è abbastanza spazio per le perdite. Quando si sviluppa il proprio piano di trading ed il suo approccio è importante prendere in considerazione altri costi, alcuni possono avere un impatto maggiore rispetto ad altri, ma tutti contribuiscono al tuo investimento in un piano di trading. Supponendo che abbiamo deciso la giusta strategia e quanta equità rischiare, andiamo poi a scoprire le tempistiche.

Il tempismo nel trading può essere tutto. Quando aprono i mercati? Quando si chiudono? Quali strumenti (come coppie valutarie) sto tradando? Alcuni mercati sono aperti quando altri sono chiusi o possono sovrapporsi. Ecco i tempi di apertura e chiusura di alcuni dei principali mercati. Una maggiore volatilità si verifica all’apertura e alla chiusura del mercato, ma anche quando vengono pubblicati rapporti o notizie. La bellezza del trading di alcuni strumenti è la capacità di scambiarli anche se il mercato in cui risiedi fisicamente è chiuso. L’illustrazione seguente mostra la sovrapposizione di mercati aperti. Notare i tempi in cui più di due mercati sono aperti contemporaneamente. Dalle 8:00 Eastern Time o dalle 13:00 GMT alle 12:00 Eastern Time o dalle 17:00 GMT, mostra la maggior parte dei mercati aperti a livello globale. Scegliere i tempi per commerciare o guardare il mercato potrebbe essere più semplice poiché è probabile che ci sia un mercato aperto da qualche parte nel mondo.

Abbiamo esaminato alcuni dei componenti chiave di un piano di trading, ora è il momento di pianificare lo scambio corrente e come rimanere in pista.

  • Una checklist è un buon promemoria di ciò che stai facendo (aiuta a stabilire il percorso che scegli di intraprendere e rafforza il motivo per cui stai negoziando)
  • Il tuo obiettivo
  • Strumenti di analisi
  • Importo di denaro da scambiare
  • Importo che sei disposto a rischiare (questo potrebbe essere per percentuale commerciale o l’importo totale del capitale azionario rischiato in qualsiasi momento)
  • Rapporto rischio / rendimento
  • Tempistica
  • Tipologia d’ordine da utilizzare per tipo di trade
  • Operazioni ad alta probabilità

Non esiste una combinazione magica, ma alcune cose da considerare quando si tenta di aumentare la probabilità di trading possono essere d’aiuto.

  • Quale lasso di tempo e quale strumento, come le coppie di valute, stiamo tradando.
    • Essere coerenti con i tuoi metodi.
  • I vincitori si concentrano su quanti soldi potrebbero perdere rispetto a quanto possono guadagnare.
  • La regola più importante: non entrare mai in un trade senza prima determinare quando uscirai.
  • Non fatevi ingannare, un luogo comune è che diversi intervalli di tempo offrono profitti diversi. Utilizzare sempre stop loss. Dobbiamo ancora vedere qualcuno che non ha costantemente utilizzato stop loss e fatto soldi nel tempo.
  • Una cattiva pratica è tornare indietro e dire “E se?” Ad esempio, se sei uscito nel momento sbagliato, il tuo commercio va male e ti commuovi. Se esci al momento giusto diventi sicuro, forse troppo fiducioso.
  • Scopri esattamente come appare un trade ad alta probabilità e prendi un trade solo quando ne vedi uno.

Documentazione, questo è fondamentale per il nostro successo. Se non siamo coerenti nel modo in cui applichiamo la nostra metodologia, è difficile tornare indietro con qualsiasi grado di precisione per vedere se il piano ha funzionato. Non sapremo mai con certezza quali sono le probabilità nel trading ma hai maggiori possibilità di avere successo se segui un piano prestabilito. Possiamo continuare a perfezionare e rendere la strategia il più meccanica possibile, rimuovere l’emozione ti manterrà sulla tua strada.

 

Prima di concludere, ecco una rapido riassunto su come creare un piano di trading.

È importante rispondere prima alle domande difficili, che è ciò che ti separerà dalla stragrande maggioranza di coloro che perdono il capitale del trading

Assicurati di essere preparato, la continua ricerca e l’educazione saranno la tua arma migliore per il tuo continuo successo.

 

VOLATILITÀ DEI MERCATI


La volatilità del mercato è una realtà che, in breve tempo, ogni operatore economico deve affrontare. Quando i mercati si stanno muovendo, ecco alcune strategie per aiutarti a gestire il rischio eD ottenere il massimo.

 

1. COLORE TRA LE LINEE

Per tradare secondo la tendenza, tutto ciò che devi fare è fingere di colorare tra le linee. Quando il mercato si avvicina al supporto, cerca il suo rialzo; se si avvicina alla resistenza, preparati per un ribasso. La cosa bella dei mercati di tendenza è che sono così facili da individuare e non importa quale periodo di tempo guardi! Le tendenze possono apparire altrettanto facilmente in un grafico di due minuti come un grafico di due ore. Dai un’occhiata a questo grafico dell’EUR / USD (Euro / Dollaro USA) in un intervallo di due minuti:

È così facile. Sfortunatamente, non è così facile determinare quanti pips cerchi di rischiare o guadagnare; questa è un’abilità che è più determinata dall’esperienza di ogni altra cosa.

 

2. USCIRE DAGLI SCHEMI

Che piaccia o no, i trader spesso agiscono in branchi. Occasionalmente i livelli si rompono violentemente poiché troppi trader ne sono consapevoli e impediscono che gli ordini inizino ad accumularsi attorno ai loro bordi.

Un’alternativa al tentativo di individuare dove potrebbe capovolgere il mercato è di catturare quel livello e scambiare il breakout.

La chiave è trovare il livello che stai cercando di sfruttare, impostare l’ordine prima che il mercato lo raggiunga e mantenere le fermate e gli obiettivi a breve distanza dagli spuntoni. A volte ciò significa solo cercare di ottenere 15-20 pips su una coppia di valute che in genere si avvicina a 100 pips al giorno, ma se le opportunità frenetiche sono ciò che cerchi, i breakout sono raramente superabili per i loro livelli di eccitazione. Certo, i breakout tendono ad essere un pò veloci e richiedono di essere vigili, ma possono essere grandi opportunità.

 

3. ABBIATE IL CORAGGIO DI INDOVINARE

Un modo potenzialmente eccitante e impulsivo per fare trading è quello di collocare scambi intorno ai principali eventi di notizie economiche. Gli annunci di notizie commerciali possono essere rischiosi a causa delle grandi mosse che possono seguire un comunicato stampa. Pertanto, dovresti essere preparato con largo anticipo.

Prima di tutto, assicurarti di piazzare il tuo trade PRIMA che le notizie degli eventi di successo siano una delle chiavi vitali per farlo con successo. Puoi fare un’ipotesi istruita su ciò che il mercato ti dirà prima che l’evento venga pubblicato, nonché fare un’ipotesi logica su come il mercato si muoverà in base alla tua ipotesi istruita.

Ad esempio, si consideri l’evento che di solito crea il maggior numero di movimenti in un determinato mese: il rilascio negli Stati Uniti di buste paga del settone non agricolo. Come regola generale, l’USD / JPY (Dollaro USA / Yen giapponese) in genere ha la reazione più logica alle principali pubblicazioni economiche statunitensi; vale a dire che se i dati sono negativi per gli Stati Uniti, l’USD / JPY diminuisce e se i dati sono buoni per gli Stati Uniti aumentano.

Gli analisti pubblicheranno anche le aspettative per i comunicati stampa come NFP. Questi sono importanti perché il mercato ha probabilmente valutato le aspettative. Se le aspettative sono soddisfatte, gli operatori non dovrebbero aspettarsi una mossa troppo grande. In alternativa, se l’annuncio è al di fuori delle aspettative, potrebbe esserci una grande mossa. Puoi trovare le aspettative e i prossimi annunci sul nostro calendario economico.

Prima che NFP sia ufficialmente rilasciato, ci sono una varietà di indicatori economici che misurano anche l’occupazione e possono essere usati come guide per fare un’ipotesi istruita. Aggregando queste versioni pre-NFP e assegnandole un punteggio sulla loro efficacia precedente, si può quindi avventurarsi in una “ipotesi” su ciò che NFP rivelerà.

 

EVENTO PRINCIPALE RILASCIO ATTUALE RILASCIO PRECEDENTE BUONO O MALE PER NFP?
Modifica dell’occupazione ADP 175k 227k Male
Media mobile di 4 settimane per i tassi di disoccupazione 333k 357.25K Buono
Continui reclami senza lavoro 2.991M 2.833M Male
Tagli di lavoro dello sfidante 45,107 30,623 Male
ISM Manifatturiero PMI Sottocomponente tasso occupazione 52.3 56.5 Male
Mercato Manifatturiero PMI Sottocomponente tasso occupazione 53.2 54.0 Male
Mercato Servizi PMI Sottocomponente tasso occupazione 54.1 55.2 Male
SM non manifatturiero PMI Sottocomponente per l’impiego 56.4 55.6 Buono
PMI Sottocomponente tasso occupazione Chicago Indebolito per il 2 ° mese conseguente Il più basso da aprile 2013 Male
PMI Sottocomponente tasso occupazione Chicago 60.7 55.1 Buono
Complessivo Male


Dato che l’ipotesi colta ha calcolato un risultato negativo, l’ipotesi logica sarebbe quella di vendere USD / JPY prima del rilascio. Ovviamente, è fondamentale utilizzare stop loss e take profit poiché la gestione di un’ipotesi sbagliata è fondamentale per salvare il saldo del tuo account. Come puoi vedere dalla tabella qui sotto, prevedere un risultato negativo sarebbe stata una supposizione piuttosto buona.

Il rapporto NFP non è l’unico che può essere utilizzato in questo modo. Ad esempio, è possibile riunire i dati sulla fiducia dei consumatori per indovinare quali potrebbero essere le vendite al dettaglio negli Stati Uniti o compilare dati inflazionistici per indovinare il tono di una decisione di politica monetaria della banca centrale. Le possibilità sono infinite.

 

4. COLMARE “IL DIVARIO”

Ogni venerdì pomeriggio alle 17:00 Eastern Time, il mercato forex chiude per il fine settimana. Tuttavia, la mancanza di movimento sullo schermo di trading è un’illusione; il mercato è ancora in movimento. I prezzi continuano a rivalutarsi in base a ciò che sta accadendo in tutto il mondo anche quando i mercati sono chiusi; non vedete quel movimento fino a domenica alle 17:00 ora orientale. Ciò si traduce in un “divario di mercato”.

Un modo molto semplice per sfuttare la volatilità sarebbe quello di cercare queste lacune che si verificano nel fine settimana e tentare di scambiarle. Proprio come qualsiasi strategia di trading, non funziona sempre, quindi assicurati di posizionare i tuoi stop loss e take profit a livelli ragionevoli.

Ad esempio, supponiamo che la Cina abbia rilasciato alcuni dati durante il fine settimana mentre i mercati erano chiusi, il che dimostrava che la loro economia si stava contraendo più del previsto. La reazione tipica a questo tipo di notizie sarebbe per le valute delle nazioni che dipendono fortemente dal commercio con il Gigante asiatico per deprezzarsi, essendo l’AUD il principale. Tuttavia, poiché i mercati sono chiusi, non si vede quel movimento fino a domenica alle 17:00 Ora Orientale quando il mercato forex apre per la settimana lavorativa.

Ciò che viene lasciato alle spalle è quello che viene chiamato un “dicario del mercato”. È una regione nel tuo grafico in cui una candela (o barra) salta da un prezzo a un prezzo completamente non correlato senza nulla in mezzo. Quindi, come se fosse stato il momento, il mercato a volte torna indietro al prezzo a cui ha chiuso venerdì. Questo si chiama “colmare (o chiudere) il divario”.

 

CONCLUSIONE

In poche parole, ci sono molti modi per passare un momento entusiasmante nel mercato. Sebbene ogni metodologia esposta qui abbia i suoi meriti, hanno anche il loro potenziale per un disastro immeritato. Essere altamente concentrati nella gestione del rischio e assicurarsi che la propria spontaneità non si trasformi in temerarietà è una componente vitale per il trading a lungo termine.